Omesso versamento ritenute: assolto l’imprenditore in crisi che sceglie di pagare i dipendenti

Può essere assolto per il mancato pagamento delle ritenute o delle imposte l’imprenditore che, essendo in crisi finanziaria, ha scelto di pagare i dipendenti.

E’ quanto emerge dalla sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 12 febbraio 2018, n. 6737.

Il caso vedeva una imprenditrice di una azienda caduta in crisi finanziaria, trovatasi costretta a dover scegliere se pagare gli stipendi ai propri dipendenti o ad adempiere al pagamento delle ritenute e delle imposte.

Il tutto verte, come evidenziato dalla Suprema Corte, sulla sussistenza o meno del dolo, elemento soggettivo che deve sempre essere accertato per la configurabilità del reato. Per utilizzare le parole dei giudici “il ricorso raggiunge l’acme delle sue argomentazioni nell’affermare (e a ciò implicitamente sottende anche la denuncia di un profilo di illegittimità costituzionale qualora non sia accolto quanto viene addotto) che il dolo non può sussistere in quanto, altrimenti, non potrebbe che configurarsi un contrasto con la carta costituzionale laddove dovesse ritenersi la punibilità del soggetto imprenditore che omette il versamento delle ritenute fiscali, a causa di una crisi finanziaria e per far fronte ad improcrastinabili adempimenti verso altri creditori, quali i lavoratori dipendenti, pure tutelati dalla Costituzione, con particolare riferimento al diritto al lavoro e alla conseguente retribuzione”.

Si sottolinea che il reato in questione (reato di cui all’articolo 10 bis del Decreto Legislativo 10 marzo 2000, n. 74) richieda il “dolo generico”, il quale non può in alcun modo essere scisso dalla consapevolezza della illiceità della condotta da parte dell’imprenditrice. Trattasi di un punto di particolare importanza in quanto, come evidenziato dagli ermellini, non è possibile aprioristicamente escludere la convinzione, in capo al soggetto agente, che i lavoratori necessitassero l’immediata corresponsione di somme di denaro per il loro sostentamento e quello dei propri familiari.

 

186 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *