Vademecum sull’affitto sicuro di case vacanza.

L’estate del 2020 si preannuncia differente per molti italiani.

Dopo il periodo di lockdown è grande la voglia di fare una vacanza. La convivenza con il virus incute ancora molti timori anche per le necessarie regole di prudenza che è bene rispettare.

Per questo motivo è forte la richiesta di case vacanze indipendenti e facilmente raggiungibili. E quale miglior strumento del web a disposizione ormai di tutti?

Occorre fare molta attenzione poiché le truffe via web sono all’ordine del giorno. Le insidie in rete sono sempre più “raffinate” e difficilmente riconoscibili.

La Polizia postale ha stilato una sorta di vademecum per aiutare gli utenti della rete a non incappare in truffe. Ecco le regole fondamentali per programmare una vacanza in sicurezza.

Quando navigate sui vari siti controllate questi punti:

  1. Immagini realistiche, complete e non troppo patinate

Per verificare la coerenza e veridicità tra immagini e case, utilizzare un motore di ricerca web di immagini su cui caricare le foto presenti nell’annuncio e controllare che non si tratti di foto da repertorio ma di scatti di una casa reale.

  1. Descrizione completa e dettagliata dell’immobile

Per capire se l’immobile e la zona (distanza dal mare, posizione centrale…) corrispondono alla descrizione fatta nell’annuncio, cercare la strada indicata sulle mappe disponibili nel web e, una volta trovato il luogo esatto, visualizzarlo tramite satellite.

  1. Contattare l’inserzionista via chat

Per conferme ulteriori, prendere contatto con l’inserzionista tramite la chat della piattaforma, chiedere informazioni e foto aggiuntive sull’immobile e approfondire con una chiacchierata chiedendo il numero di telefono, possibilmente fisso.

  1. Prezzo dell’immobile adeguato

Per capire se un prezzo è alto, basso o adeguato è opportuno fare una ricerca sulla zona tramite la piattaforma in cui è presente l’annuncio, utilizzando anche un motore di ricerca e controllando se il prezzo non è troppo basso e quindi effettivamente in linea con la località e la struttura della casa.

  1. Incontro con l’inserzionista

Per verificare che tutto sia regolare, incontrare ove possibile l’inserzionista per una visita della casa e per consegnare l’importo dovuto di persona.

  1. Richiesta e valore caparra

La richiesta di una caparra è legittima, purché non superiore al 20% del prezzo totale.

  1. Documenti di identità

Non inviare documenti personali: carta d’identità, patente o passaporto non devono mai essere condivisi in quanto potrebbero essere utilizzati per fini poco leciti.

  1. Pagamenti

Effettuare pagamenti solo su Iban o tramite metodi di pagamento tracciato: l’Iban bancario deve essere riconducibile a un conto corrente italiano che è possibile verificare tramite strumenti come Iban calculator.

611 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.